Ti darò il sole

Creato da michela il 29/07/2016

 

 

«Eravamo tutti in rotta di collisione l’uno verso l’altro, inevitabilmente.

Ci sono persone che sono destinate a stare nella stessa storia.»

 da Ti darò il sole di Jandy Nelson, Rizzoli

 

 

Michelangelo diceva che l’opera era già presente nella pietra, che il compito dell’artista non era quello di crearla, ma solo quello di vederla e svelarla col suo lavoro, una scalpellata alla volta.

Questo libro è così: brevi scalpellate che ti svelano a poco a poco il mosaico completo, dove le visione dei vari protagonisti si raccontano e si incastrano fino alla completezza finale, quando la pietra non è più quel blocco di roccia anonima e diventa visione, movimento, forma tridimensionale.

A raccontarci la vicenda sono due punti di vista, quello di Noah, pittore tredicenne che sogna di poter sfuggire a un mondo fatto di incomprensioni coi genitori e fughe nel bosco per sfuggire ai bulli della scuola, e Jude, la sua gemella, che a sedici anni si rende conto che mentre a tredici anni quella normale era lei e lo strano era suo fratello, da un certo punto in poi le loro anime si sono mescolate e la strana ora è lei, ipocondriaca, superstiziosa, scultrice invisibile, che cerca di capire perché le sembra di vivere al buio quando tutto prima era luce.

Li chiamano YA, ma, pur non tralasciando la parte romance propria del genere, proprio come una scultura, il libro si svela a 360° e con maestria racconta non solo l’amore, non solo l’adolescenza e i suoi difficili riti di passaggio, ma anche la difficilissima arte di imparare a conoscere la propria anima, e una volta accettata, la capacità di rimanere fedeli a quella parte di sé sempre, anche quando le granitiche certezze dell’infanzia si sgretolano in un puzzle di cui sembra che si siano persi i pezzi fondamentali per concluderlo, e che forse sono custoditi da qualcun’altro, qualcuno che non si pensava di trovare mai, e qualcuno che invece si era smarrito nel lungo percorso che dalla fanciullezza porta all’età adulta.

 

Condividi

    *