#MiraggiRadiofonici – 9 notti a Parigi

Creato da admin il 26/03/2014

“Se sei abbastanza fortunato da aver vissuto a Parigi come un giovane uomo, allora per il resto della tua vita, ovunque andrai, sarà con te”.

Questo è l’adagio che sembra ispirare Giorgio Pirazzini nella scrittura del suo “9 notti a Parigi”, edito Miraggi Edizioni.
Niente luoghi da cartolina e fotografie con i turisti che toccano la punta della Tour Eiffel, ma un itinerario personale nei “luoghi dell’anima” che ispirano le notti appassionate di un giovane uomo trasferitosi dall’Italia a Parigi e subito innamoratosi del vino, del cibo, delle donne, delle strade, del sapore di questa città.
Nove racconti di nottate al limite dell’assurdo, vissute da bohèmienne, fra travestiti e feste sotterranee, clochard (persino la parola usata per definirli, in luogo del nostro “barboni”, sembra qualcosa di infinitamente più chic: e specialmente quelli parigini, tanto da spingere il nostro a definirli “l’élite dei clochard del mondo”) e donne affascinanti sedotte a suon di Chablis e Bordeaux.
Nove racconti in cui la vie en rose assume tutti i colori dell’arcobaleno dopo la pioggia, un invito a conoscere la città senza passare dalla porta spalancata dell’ Arc de Triomphe lungo l’itinerario pomposo degli Champs-Elysées, ma da quella sul retro delle viette del quartiere di Montmartre.
Un resoconto della Parigi “festosa” come ce l’ha descritta Hemingway e romanticamente stramba come quella di Amélie Poulain.
Chi ha vissuto Parigi ci ritroverà un po’ del suo profumo e chi non l’ha mai vista, io vi avverto, si scoprirà quasi per caso a prenotare un volo per il prossimo weekend.

 

Condividi

    *