Cuore a pedali

Creato da monica il 25/03/2014

Continua a The Book is on the radio l’ appuntamento con Miraggi Edizioni, casa editrice animata dalla volontà di esplorare, attraverso voci giovani ed appassionate, temi disparati in chiave originale e creativa.

Come il viaggio: un’ esperienza di cui tutti siamo stati protagonisti, eppure mai tanto significativa ed entusiasmante quanto quella al centro di “Cuore a pedali”, di Alessandro Bossini.

 

 

 

 

Viaggiare è crescere e accrescere chi incontriamo lungo il nostro percorso: lo sa bene Bossini, che in sella alla sua bici ha percorso il globo in lungo e in largo, dall’Australia, India e Nepal fino al Mediterraneo.

Un lunghissimo viaggio affrontato in completa solitudine, condizione necessaria ad una vera riscoperta di stessi, delle proprie capacità e visioni del mondo.

Pensieri e paesaggi rappresentano gli unici, fedeli compagni di un percorso costellato dalla fugace presenza di molteplici volti, portavoci di culture e stili di vita profondamente differenti ed indagati dall’animo curioso e dall’abile penna del nostro ciclo-viaggiatore.

Bossini ci fa dono di un diario non convenzionale: gli eventi che più hanno fatto palpitare il suo “cuore a pedali” scorrono attraverso le pagine rincorrendosi, incalzandosi e incalzandoci a montare in sella, animati da un travolgente spirito di avventura e di scoperta del mondo;
un mondo in cui altruismo e condivisione permettono di vivere con semplicità e passione;
un mondo fatto di sapori, odori, emozioni, fatica, ricerca ed amore;
un mondo di cui l’autore non può che restituirci un’incredibile testimonianza…

 

 

“La parte più bella è l’alba, quando ti sveglia il sole e tutta la giornata ti si distende davanti. La parte più bella è l’andare, il cuore batte più forte sui paesaggi in movimento e ogni cosa è nuova. La parte più bella è fermarsi a mangiare, nuovi sapori, odori caldi, e c’è sempre qualcuno pronto a dividere il suo tempo. La parte più bella è la sera, che sei stanco e cerchi un luogo per un po’ di ristoro: una pineta, un campeggio, una pensione, senza sapere che cosa ti aspetta. La cosa più bella è la notte; che si dorma sotto le stelle o sotto un tetto, ci sono sempre i sogni e le avventure affrontate. La parte più bella è decidere, prima ancora di iniziarla, la parte più bella…”.

 

 

alla prossima lettura!

Monica

Condividi

    *