Il Siddharta e il Sutra di Diamante

Creato da Federica Tronconi il 18/10/2019

 E’ meglio ricevere un tesoro, accumulare beni, o essere un teoro, realizzare il bene?

Il lettore che si accinge a questa lettura è invitato ad aprire mente e cuore, a permettersi un nuovo modo di leggere, che sia più come un ascolto che una lettura, più un ricevere che un capire, più un risuonare che un pensare! L’arte dell’ascoltare le parole di un Buddha richiede assenza di opinioni e di giudizi, così che le parole possano avere un’eco, una risonanza nel cuore dell’ascoltatore-lettore. La prima parte del libro ci porta a conoscere, in modo quasi fiabesco, la vita di Siddharta, che diverrà Gautama il Buddha, uno degli esseri più radiosi che abbia camminato sul pianeta terra. Nella seconda parte ci addentreremo nelle profondità e nella sfida a che il nostro cuore comprenda uno dei più grandi doni all’umanità di Gautama il Buddha: il Sutra del Diamante.

 

 

In una società fondata sull’ego nulla può essere più efficace della comprensione e della consapevolezza. Questo libro, Siddharta e il Sutra di Diamante (Noi Edizioni) parla proprio di questo: consapevolezza. Questo è un saggio che impone all’ascolto, rallentando i ritmi, abbassando le difese e aprendo l’anima. L’autore, Carlo Moiraghi, ribadisce l’urgenza nei momenti di crisi nulla di trovare persone straordinarie con cui condividere la Verità, arrivare alla consapevolezza. Il libro è diviso in due parti: la prima incentrata sulla figura di Siddharta, la seconda invece tratta del Sutra di Diamante ovvero la meta di un viaggio verso la consapevolezza. Un saggio che è più un viaggio, accompagnati da Moiraghi, a cuore aperto verso il risveglio, il nostro risveglio dell’Anima.

 

L’esistenza è stella, miraggio, fiamma, illusione, brina, bolla, sogno, lampo, nuvola.

Così conviene meditare su di essa, così conviene osservarla.

Condividi

    *