Fa’ la cosa giusta! e Pavia

Creato da Federica Tronconi il 21/02/2019

Nel 2019 Fa’ la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, giungerà alla sua sedicesima edizione, che si terrà dall’8 al 10 marzo a fieramilanocity, confermando l’ingresso gratuito per i visitatori sperimentato lo scorso marzo.

La scorsa edizione si è chiusa con 91.000 presenze, in crescita del 30% rispetto all’anno precedente.

Molte realtà dalla provincia di Pavia saranno protagoniste di Fa’ la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili.

 

Photo Credits: Luana Monte

 

 

Da Giussago nella sezione Mangia come Parli arriva un nuovo espositore: Adotta il tuo orto bio – Youfarmer, progetto attraverso cui tutti possono avere il proprio orto a distanza appoggiandosi ad aziende agricole d’eccellenza in cui si può coltivare biologico. La procedura consiste nella registrazione, la scelta delle aziende più vicine e della dimensione dell’orto. Si può poi scegliere se raccogliere personalmente gli ortaggi, oppure riceverli a casa. Per avere così verdura fresca tutto l’anno, anche nei periodi invernali! Da Voghera nell’Area Vegan torna il Biscottificio Dolce & Salato: azienda artigianale a conduzione famigliare, con vent’anni di esperienza nella pasticceria da forno. Unendo tradizione e innovazione si sono dedicati a prodotti perfetti per chi ha intolleranze a lattosio, glutine e lievito, e per chi sceglie una dieta vegana.
Da Zinasco nella sezione Critical Fashion torna Lavgon, laboratorio al femminile di moda etica, sartoria creativa e artigianale, che dal 2004 inventa e produce abbigliamento femminile, accessori e complementi di arredo, utilizzando fibre naturali quali lana, seta, canapa e lino. Inoltre acquistano tessuti africani dall’associazione burkinabé Watinoma sostenendo così progetti fra Italia e Africa.
Da Varzi nella sezione Territori Resistenti arriva una novità: AttivAree Oltrepò(Bio)diverso, progetto attraverso cui la Fondazione Sviluppo dell’Oltrepò Pavese, insieme ad un partenariato che conta 19 Enti del settore no profit, intende valorizzare il territorio collinare e montano pavese, investendo sulla biodiversità in senso sociale, culturale e interculturale. Si tratta dell’unico avamposto di Appennino in Lombardia, un’area che si caratterizza per essere ad altissima densità di specie di farfalle, orchidee, alberi secolari, uccelli rarissimi, fiori, vitigni antichi e cieli stellati tra i più nitidi d’Italia. AttivAree è unprogramma di Fondazione Cariplo, attivo dal 2016, che mira a riattivare e aumentare
l’attrattività delle aree interne per gli abitanti, i nuovi residenti e i potenziali investitori, riducendone l’isolamento e favorendo buone pratiche di ritorno.

Condividi

    *