Stella

Creato da Federica Tronconi il 30/01/2019

“Un giorno mi scrivi una lettera d’amore?” mi chiese

“Non è un pò infantile?”

“No.”

“Ma questo è un romanzo, non una lettera d’amore.”

Lei sfogliò e disse senza guardarmi: “E non è forse ogni romanzo una lettera d’amore?”

 

Friedrich è un giovanotto svizzero che si trasferisce a Berlino per inseguire le sue ambizioni artistiche. In una scuola d’arte incontra Kristin, una ragazza molto bella e sicura di sé. È lei a prendersi cura di Fritz che, un po’ ingenuo, non si sa muovere bene in una grande città. Se lo porta in giro nelle folli notti berlinesi, tra locali alla moda e posti che non avrebbe mai trovato senza di lei, si divertono e s’innamorano. Un giorno però Kristin bussa alla sua porta, ferita, con dei lividi sul volto e sul corpo, e gli confessa di non avergli detto tutta la verità.
Un romanzo che nasce da una storia vera, una storia d’amore impossibile sullo sfondo della Seconda guerra mondiale, il nazismo e la caccia agli ebrei. Ispirato a una storia vera, Stella (Feltrinelli) è un romanzo d’amore ossessivo e tradimento nella spaventosa Berlino del 1942.

Il romanzo di Würger è una di quelle storie che una volta finite si sedimenta, lascia qualcosa, un eco che ritorna e ti rievoca immagini suggestive. Tanto per intenderci, uno di quei romanzi a cui continui a pensare anche se ormai è il sul comodino e la lettura è finita. Kristin è un personaggio straordinario nella sua imperfezione: è tremendamente piena di vita in un momento caratterizzato da morte, è confusionaria, incomprensibile a volte nelle scelte, porta scompiglio nelle vite in cui entra, segna le persone a cui si avvicina (nel bene e nel male), è quel sorriso e quell’abbraccio per cui vale la pena vivere quando tutto crolla intorno. Ma poi, alla fine, l’Amore non è proprio questo? Forte, dirrompente, msterioso, inaspettato, folle, imperfetto, salvifico e mortifero allo stesso tempo? Così è Kristin, proprio così. E’, infatti, tutto quello che si porta dietro un’esperienza autentica di Amore. In una Berlino spietata degli anni delle leggi razziali (1942) Kristin e Friedrich sono una parentisi di Vita autentica. Anche con tutte le sue sue contraddizioni. Un grande libro, una storia potente.

 

 

 

Takis Würger, nato nel 1985, è scrittore e giornalista d’inchiesta per il “Der Spiegel” e vive a Berlino. Ha lavorato come reporter in Afghanistan, Libia, Ucraina e in tutto il Medioriente. Nel 2017 ha esordito come romanziere con Der Club (in pubblicazione per Keller Editore), premio Lit.Cologne e grande successo nelle librerie tedesche. Feltrinelli ha pubblicato Stella (2019), il suo secondo romanzo.

 

 

Condividi

    *