Spezie e desideri: intervista a Jane Rose Caruso

Creato da federica il 25/11/2018

 

 

Miss Garnette Catharine Book è una donna straordinaria: i suoi deliziosi manicaretti hanno un potere speciale, curano i malanni dell’anima. Gli abitanti di Beltory, la tranquilla cittadina sul mare dove Miss Catharine Book vive, lo sanno benissimo, ecco perché si rivolgono a lei quando qualcosa non va: che si tratti di stanchezza, tristezza o affari di cuore, Miss Garnette Catharine Book troverà la soluzione con le sue spezie.
Morti sospette, cuori infranti,visite a sorpresa, infusi speciali e profumate torte sono gli ingredienti di questo bizzarro e dolcissimo ricettario del cuore, il primo volume delle avventure di Miss Garnette Catharine Book.

Jane Rose Caruso con questa nuova serie di romanzi ambientati a Beltory ha creato un personaggio irresistibile, simpatico e rincuorante. Arrivare a Beltory è un pò come la cioccolata calda nei freddi e grigi pomeriggi d’inverno, come trovare un libro da tempo cercato in una remota libreria, un sorriso di sostegno che non ti aspetti. E’ tutto questo insieme, Beltory. E’ quella carezza, quella coccola che scalda il cuore. Brevi episodi, racconti, memorie intervallati da ricette raccolte negli anno dall’autrice (che sono da sperimentare!).

Abbiamo raggiunto Jane Rose Caruso per scoprire qualche curiosità in più sul suo personaggio e su questa nuova serie di romanzi.

 

 

 

Come è nata Beltory? Ti sei ispirata ad un luogo realmente esistito?

All’inizio quando uscì nel 2015 la prima versione si,  avevo preso spunto dal paesino in cui sono nata, ci sono tanti personaggi interessanti per creare storie poi con il cambiamento di Miss Book ho deciso di stravolgere il tutto e ispirarmi a una Contea fittizia sul mare, con cottage accoglienti, caldi dove potersi rilassare e non pensare a nulla. Un luogo magico, bello da vivere e respirare. Ho preso spunto principalmente dai luoghi descritti da Jane Asuten, Beatrix Potter e Tolkien.

Miss Book è un personaggio straordinario: quando ha iniziato crearsi nel tuo immaginario? Hai capito subito che poteva essere un personaggio di un libro?

No, all’inizio ero molto confusa. Volevo scrivere un ricettario con ricette particolari ma non sapevo come farlo, ce ne sono così tanti e distinguersi non è facile, quindi ho pensato sarebbe stato inutile.  L’idea di Miss Book mi è venuta nel 2015, stavo passando un periodo difficile, ero in una fase di transizione e mi sentivo terribilmente in gabbia. Miss Book ai tempi Miss Fenix nacque per questo motivo, sotto forma di diario, perchè parlavo delle mie giornate attraverso lei, io ero Miss Fenix Book. Lei stessa era tormentata e solo grazie alle ricette riusciva a salvarsi dalle persone. Il personaggio è cambiato, però, proprio quest’anno mentre ero in procinto di scrivere il secondo romanzo, ho deciso che lei doveva diventare qualcosa di grande, fiabesco e buono, doveva con le sue ricette riuscire a salvare gli altri, visto che era riuscita a salvare se stessa, e da qui la sua evoluzione in Miss Garnette Catharine Book e le ricette che salvano l’anima, si è plasmata in maniera quasi naturale, e ho scritto d’impulso anche la novella che è nata spontaneamente.

Romanzo e ricette: come mai hai pensato a questo connubio per il tuo libro?

E’ stato difficile ma mi sembrava una buona idea coniugare cuore e ricette. Cucinare è amore e passione, se non si ci mette la giusta dose di sentimento ogni cibo può sembrare sciapo. Così ho pensato di unire entrambe le cose per ogni romanzo. Una ricetta che salva gli animi attraverso un personaggio.

Le prime ricette hanno un valore fondamentale perchè le ho prese dal ricettario di mia nonna, ma la ricetta che mi sta più a cuore uscirà nel libro di Natale, è un dolce al miele che faceva sempre mia nonna. Era buonissimo!

A chi consiglieresti il tuo romanzo?

Lo consiglierei a tutti, non ha un target di età, il mio romanzo è scritto in maniera semplice e lineare, l’ho voluto apposta così e sarà così anche per quelli avvenire, perchè voglio che dopo una giornata di lavoro, dopo tanto stress, nervosismo e tram tram quotidiano ci sia qualcosa di caldo e accogliente che possa riscaldare il cuore e far rilassare lo spirito. So che molti non leggono oppure non hanno tempo, quindi ho voluto creare qualcosa che desse modo a tutti di poter sfogliare qualcosa di lineare ma allo stesso tempo magico.

Sei già al lavoro per un prossima avventura a Beltory?

Naturalmente si! L’ho quasi conclusa . Però stavolta dovremmo lasciare la Contea e andare in città a Borringhton. Vedrete, vi piacerà, si respirerà aria di Natale e fili d’angelo!

 

Qui trovate anche il secondo volume in formato digitale: https://amzn.to/2THgLRH

Condividi

    *