La ragazza che amava Picasso

Creato da Federica Tronconi il 27/05/2018

1936. È un anno speciale per Pablo Picasso. In fuga dai troppi amori e dalla troppa intensità di Parigi, cerca rifugio in Costa Azzurra, a Juan-Les-Pins, dove il cielo è incredibilmente blu e il mare pieno di sfumature smeraldo. Qui si stabilisce per un po’, in incognito, riprendendo finalmente a dipingere dopo una lunga pausa. E proprio in questo periodo, per la prima volta, una ragazza con i capelli neri fa capolino nei suoi quadri. Nessuno ha mai saputo chi fosse.

 

 

Come nessuno ha mai indovinato cosa successe davvero a Picasso in quella breve e misteriosa parentesi della sua vita? Ondine, folti capelli neri e la freschezza dei suoi diciassette anni, lavora nel Café Paradis, piccolo ristorantino gestito da sua madre, e la sua vita a Juan-Les-Pins è stata scossa finora da un solo terremoto: il primo amore. Quando un misterioso sconosciuto che viene da Parigi prende in affitto una delle ville della città, è lei la prescelta per portargli il pranzo a domicilio. E così che Ondine incontrerà il grande genio dell’arte, e grazie ai quadri, come al comune amore per la cucina, tra i due nascerà una particolarissima amicizia, che cambierà Ondine per sempre. Un’amicizia i cui effetti dureranno nel tempo, tanto che, due generazioni dopo, la sua nipote Céline, make-up artist a Los Angeles, deciderà di intraprendere un viaggio proprio nei luoghi dell’incontro tra la sua nonna Ondine e Picasso, alla scoperta del passato della sua famiglia, e di se stessa.

 

Un romanzo perfetto per chi ha voglia di leggerezza, arte, cucina, un bel mistero, storie di vita e amore. La storia ricopre due fasce temporali, quella di Ondine, ragazza francese che si ritrova a cucinare per il famoso Picasso nella sua vacanza segreta nel 1936 a Juan-Les-Pins. Erroneamente si potrebbe pensare sia una storia d’amore quella che si accende tra loro, ma non è così, sicuramente il pittore riveste un ruolo fondamentale in tutta la storia ma la relazione che cresce tra i due è un forte legame che porterà Ondine a mettere in discussione la sua vita, una forte attrazione e passione carnale che le farà scoprire di più se stessa, una giovane donna alla ricerca di una vita migliore, ambizioni, sogni, con la voglia di cambiare il suo destino che la vuole sottoposta alle decisioni dei suoi genitori che non pensano alla sua reale felicità ma agli interessi della loro trattoria. Nasce una storia tra lei e Picasso ma vige la consapevolezza che lui non apparterrà mai a nessuna donna, nonostante lo stuolo di amanti che litigano per riservarsi la sua attenzione e che lui archivia appena il suo genio artistico è sazio, Ondine è consapevole che lui apparterrà sempre a sé stesso e a l’arte. In realtà Ondine ama un uomo partito per fare fortuna e chiederla in moglie, ma di lui non riceve notizie da ormai troppo tempo, e nonostante la sua speranza non si spegne lei ha necessità di pensare a cosa il futuro le riserverà. Una ragazza con una passione e la ribellione nelle vene che nessuno può domare. Nella seconda fascia temporale troviamo Céline, nipote di Ondine, ambientato ai giorni nostri, che si ritrova a dover fare i conti con la morte di un padre tirannico e infelice, che ha sempre sottomesso la moglie e osteggiato qualsiasi sua voglia di fare nella vita. Ma subito il suo posto viene preso da i due figli gemelli di lui, fratellastri di Céline, che dopo un malore della madre la confinano in una clinica esclusiva impedendo alla figlia di poter entrare in contatto con lei, con la paura che potesse intervenire nel testamento, volto a loro esclusivo valore. E mentre si ritrova a lottare per salvare la madre, le si presenta davanti un’occasione imperdibile in cui si giocherà tutto il suo futuro. Ed è qui che la sua vita è quale della nonna si intrecceranno indissolubilmente. Una scrittura scorrevole avvincente, che coniuga arte, cucina e passione. In uno scenario mozzafiato, sulla Costa azzurra, dove la scrittrice riesce a descrivere perfettamente il suo amore per il luogo, e dove ti ritrovi a passeggiare nei meravigliosi paesaggi con Ondine e i deliziosi profumi delle sue pietanze invadono i nostri sensi.


IL trailer della serie tv Picasso, in onda su NatGeograhic

 

Camille Aubray ha scritto per la tv e insegnato alla New York University m questo è il suo primo romanzo, frutto dei suoi viaggi in Costa Azzurra 3 del suo amore per l’arte. Tutti i quadri citati sono veri, tranne uno.

 

Recesione a cura di

GIUSJ SERGI

Condividi

    *