“Solo la vecchia lampada vicino alla cassa illuminava di una luce giallognola lo strano libro, 

posto al centro dello scrittoio. La più incredibile storia mai scritta! così recitava la scritta nera

sulla fascetta gialla che circondava la copertina”

Barcellona è la città dei draghi e sono dappertutto. Alba e Diego lo sanno bene, visto che corrono tutti i giorni per le sue strade come cavalieri lanciati al galoppo. Oltre ad amare le grandi fantastiche battaglie i sue fratelli amano trascorre il tempo all’Abracadabra, la libreria di Zia Bea, un posto magico a tutti gli effetti. Zia Bea lo ha arredato in modo fantastico! Libri con copertine coloratissime, giochi sparsi qua e là, e una strana porta del negozio con su scritto Segreti magici: alla larga! Leggere un libro in questa libreria è un’esperienza fantastica ed è molto diverso da farlo a casa o scuola. Un giorno come tanti altri Alba e Diego corrono verso la libreria della zia. Trovano al centro dello scrittoio un nuovo libro appena arrivato, La più incredibile storia mai scritta di Lucy Ferrier, proprio il giorno del  lancio. Ma sfogliando insieme le pagine scoprono che… non ci sono le parole e neanche immagini o illustrazioni! Un libro rovinato o strano? No, semplicemente magico. Ma per risolvere il mistero delle parole scomparse ci vuole intelligenza, astuzia e tanto coraggio. Alba e Diego sono pronti per partire in questa straordinaria avventura: li seguiamo?

Pierdomenico Baccalario, con Eduardo Jáuregui, firma un altro splendido libro per ragazzi sul potere dei libri, la bellezza della lettura e il potere dell’immaginazione. Così Jáuregui racconta il romanzo: “ È una storia ispirata dall’amore per le librerie, quelle con una magia impalpabile che ti coglie appena attraversi la soglia e ti trasporta in altri mondi. Una scintilla che ha acceso la nostra immaginazione, e il risultato è una serie in cui i lettori possono realizzare il sogno di entrare veramente nelle loro storie preferite. E inoltre possono visitare le librerie – incredibili, ma vere – in cui sono ambientate le storie, come Abracadabra a Barcellona, Acqua Alta a Venezia, Shakespeare and Company a Parigi, Boekhandel Dominicanen a Maastricht, l’Ateneo Gran Splendid a Buenos Aires, o libri di Bart a Ojai (California)”.

“Un libro per bambini? Sì, ma anche se lo leggi da adulto ti piace. Perché è un libro divertente e ironico.

Combina magia, fantasia, immaginazione ed è anche un ottimo modo per

far conoscere i grandi classici della storia della letteratura ai bambini”.

Paul Otero, Onda Madrid

Condividi

    *