Tutto il tempo che vuoi

Creato da federica il 01/10/2017

“Non è felicità, ma nemmeno solo buon umore,

è la sensazione confortante di avere un baricentro in mezzo al caos.”

Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui – Giunti Editore

 

Un mutuo per un bilocale in centro, un lavoro da editor in un grande gruppo editoriale, una fidanzata di lungo corso, il progetto di un figlio. Per Franz, 36 anni, la vita, almeno sulla carta, sembrerebbe avviata sui binari giusti. Fino a che tutto crolla all’improvviso: il suo capo gli dà il benservito per aver rifiutato un romanzo erotico che sta scalando le classifiche per la concorrenza, mentre a casa Lucia lo aspetta in lacrime. Di punto in bianco Franz è costretto a inventarsi un piano B e ripartire dal via. Unica àncora di salvezza: la passione per la cucina. Da ghostwriter a ghostchef, da giovane uomo in carriera ad affittacamere, fino all’incontro con Camilla, madre divorziata di un ragazzino preadolescente, e ancora scottata dalla sua ultima relazione. Ma proprio quando le cose sembrano sul punto di raddrizzarsi, un altro colpo di scena rischia di far saltare completamente i piani di Franz..

Francesco Gungui firma un romanzo fresco, brillante, divertente. Franz ( che racchiude molte caratteristiche dello scrittore) è un uomo che pensa di aver raggiunto nella sua vita, a trentasei anni, un certo equilibro. Equilibrio che però vacilla presto quando la sua relazione di sempre vacilla e si spezza, e quando il suo lavoro di editor dà parecchi problemi. Tra le sue mani tutto quanto raggiunto – sogni compresi – fugge. E che fare ora? Franz si trova in un momento di “stallo” dove cerca di capire come muoversi nuovamente. Chi lo aiuta? Il suo amore di sempre per la cucina che in un momento di sofferenza funge da boccata di ossigeno ed è proprio da qui che compie il primo passo verso una seconda opportunità nella sua vita.

Gungui racconta con grande passione, lucidità e coraggio la sofferenza dal punto di vista di uomo, tratta temi come il desiderio, le aspettative e la vita vera, triangolo dentro il quale ogni uomo (e donna) cerca il proprio equilibrio. Lo fa partendo dalla sua esperienza ma riesce, grazie ad un distacco professionale notevole, a trasmettere tutte le emozioni del percorso di formazione di Franz. Un percorso che prima o poi tocca a tutti nella vita. Ed è per questo che sentiamo Franz un po’ parte di tutti noi.

 

Condividi

    *