Il diritto di contare

Creato da federica il 08/03/2017

“Nere o bianche, est o ovest, single o sposate, con o senza figli,

le donne erano ormai una parte essenziale del processo di ricerca aeronautica”. 

da “Il diritto di contare” di Margot Lee Shetterly – HarperCollins

 

 

 

La storia mai raccontata delle donne afroamericane che nel periodo della guerra fredda, sfidando razzismo e sessismo, hanno dato un contributo fondamentale ai successi del programma aerospaziale americano.

Se John Glenn ha orbitato intorno alla terra e Neil Armstrong è stato il primo uomo a camminare sulla luna, parte del merito va anche alle scienziate della NASA che negli anni Quaranta, armate di matita, regolo e addizionatrice, elaborarono i calcoli matematici che avrebbero permesso a razzi e astronauti di partire alla conquista dello spazio.
Tra loro c’era anche un gruppo di donne afroamericane di eccezionale talento, originariamente relegate a insegnare matematica nelle scuole pubbliche “per neri” del profondo Sud degli Stati Uniti.
Dorothy Vaughan, Mary Jackson, Katherine Johnson e Christine Darden furono chiamate in servizio durante la seconda guerra mondiale a causa della carenza di personale maschile, quando l’industria aeronautica americana aveva un disperato bisogno di esperti con le giuste competenze. Tutto a un tratto a queste brillanti matematiche e fisiche si presentava l’occasione di ottenere un lavoro all’altezza della loro preparazione, una chiamata a cui risposero lasciando le proprie vite per trasferirsi a Hampton, in Virginia, ed entrare nell’affascinante mondo del Langley Memorial Aeronautical Laboratory. E il loro contributo, benché le leggi sulla segregazione razziale imponessero loro di non mescolarsi alle colleghe bianche, si rivelò determinante per raggiungere l’obiettivo a cui l’America aspirava: battere l’Unione Sovietica nella corsa allo spazio e riportare una vittoria decisiva nella guerra fredda.

Dorothy Vaughan, Mary Jackson, Katherine Johnson e Christine Darden: donne come tante, donne che hanno dovuto affrontare le proprie sofferenze, superare i loro limiti, ricominciare dopo un loro errore. Il loro percorso è stato quello comune a tante donne: dedicarsi totalmente per realizzare un sogno. Il loro sogno era cambiare la loro vita. Ma la realtà non è mai come uno se la aspetta: invece di cambiare le loro vite hanno cambiato la Storia. Un’America separata per le leggi di segregazioni razziali, la Seconda guerra mondiale che accompagna il lettore sullo sfondo, la corsa nello spazio, la rivalità con l’Unione Sovietica. Quattro donne che per quasi trent’anni hanno affrontato sfide, forgiato alleanze e cambiato la propria esistenza e quella del loro Paese.

Un romanzo che racconta la storia di quattro donne, di un paese e di un pezzo importante della Storia di tutti. Da oggi, 8 marzo, anche nelle sale cinema italiane.

 

Il trailer del film IL DIRITTO DI CONTARE  realizzato dalla 20th Century Fox Italia

 

Condividi

    *