La piccola libreria di New York

Creato da Federica Tronconi il 27/11/2016

“La Hudosn River Books era decisamente il genere di posto pieno di libri

in cui avrebbe volentieri passato ogni singola ora della sua vita”. 

 

Questo romanzo ha alcuni elementi che lo rendono imperdibile: parla di libri, ha sullo sfondo una New York bellissima e parla di amicizia e amore. Un romanzo che scalda il cuore, quei libri che servono quando vuoi “stare bene” e ti riconciliano con il mondo. Miranda Dickinson ha scritto un romanzo frizzante e delizioso con due personaggi, Bea e Jake, a cui ti affezioni pagina dopo pagina. Alla fine del romanzo il libro lascia una leggera nostalgia per tutto questo mondo splendido creato dalla Dickinson: si ha la sensazione di non volerli mai lasciare…

 

 

Quando il suo ragazzo la lascia per l’ennesima volta, Bea James, proprietaria di una libreria a Brooklyn, prende una decisione. Basta uomini, basta cuori infranti, basta dolore. Il suo lavoro le piace e i libri l’hanno sempre salvata, l’importante sarà riuscire a stare lontana dall’altro sesso. Jake Steinmann, uno psichiatra che viveva a San Francisco, è pronto a ricominciare, dopo la fine del suo matrimonio. D’ora in poi ci sarà un unico amore nella sua vita: New York. Bea e Jake si conoscono a una festa in cui sono gli unici single, e quando parlano si trovano d’accordo su una cosa: nessuno di loro due vuole avere alcun genere di relazione sentimentale. Ma la città ha altri piani per loro…

Condividi

    *